Ultimi Articoli

Nuovo meccanismo molecolare contro la degenerazione muscolare

Nuovo meccanismo molecolare contro la degenerazione muscolare

07 Giugno 2021

Immagini di immunofluorescenze di: un muscolo in rigenerazione (sinistra), di...

Per diagnosticare (e curare) un tumore potremmo cominciare ad “ascoltarlo”

Per diagnosticare (e curare) un tumore potremmo cominciare ad “ascoltarlo”

07 Giugno 2021

Un gruppo di ricerca coordinato da studiosi dell’Università di Bologna...

La NASA sceglie VERITAS: la Sapienza su Venere

La NASA sceglie VERITAS: la Sapienza su Venere

04 Giugno 2021

La missione spaziale selezionata dalla Nasa per l’esplorazione di Venere...

Il disgusto morale ha un “cattivo sapore”

Il disgusto morale ha un “cattivo sapore”

03 Giugno 2021

Assistere a una violazione delle norme morali condivise inibisce i...

5 e 6 giugno, tornano le giornate delle Oasi

5 e 6 giugno, tornano le giornate delle Oasi

01 Giugno 2021

Sabato e domenica, 5 e 6 giugno torna la Festa...

Brevettato un kit molecolare per rilevare fungo patogeno di colture come fragola, melone o girasole

Brevettato un kit molecolare per rilevare fungo patogeno di colture come fragola, melone o girasole

01 Giugno 2021

Il dispositivo consente diagnosi veloci per difendere i raccolti e...

Il mondo potrebbe toccare +1,5°C in uno dei prossimi 5 anni

Il mondo potrebbe toccare +1,5°C in uno dei prossimi 5 anni

28 Maggio 2021

Necessario prendere misure urgenti per ridurre le emissioni La temperatura...

Un passo avanti per la creazione di un modello artificiale di pancreas

Un passo avanti per la creazione di un modello artificiale di pancreas

28 Maggio 2021

Il nuovo progetto di ricerca di Humanitas University e Politecnico...

  • 1
  • 2
Giugno 2021


Immagini di immunofluorescenze di: un muscolo in rigenerazione (sinistra), di cellule adipose derivate dalle FAP in condizioni di controllo (centro) e di cellule muscolari derivate dalle FAP dopo inibizione di G9a/GLP (destra)


Uno studio dell’Istituto di biologia e patologia molecolari del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibpm) rivela come cambiare l’identità di una popolazione di cellule muscolari possa promuovere la rigenerazione dei muscoli distrofici. La ricerca, pubblicata su Science Advances, potrebbe portare a un approccio farmacologico per alcune patologie come la distrofia muscolare di Duchenne.

 Le cellule oggetto dello studio condotto dall’Istituto di biologia e patologia molecolari del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibpm) sono le progenitrici fibro-adipogeniche, note con l’acronimo FAP, e rappresentano l’arma a doppio taglio del muscolo scheletrico. Queste cellule, infatti, in condizioni fisiologiche rilasciano dei fattori che aiutano le cellule staminali muscolari alla rigenerazione del muscolo. Nel corso della degenerazione che si verifica nei tessuti affetti da distrofia muscolare di Duchenne invece, le FAP danno origine all’infiltrato adiposo e fibrotico che rimpiazza progressivamente il tessuto muscolare, rendendolo meno funzionale. La ricerca portata avanti dal gruppo di Chiara Mozzetta insieme alle biologhe Beatrice Biferali e Valeria Bianconi, prime autrici del lavoro, è stato pubblicato su Science Advances e realizzata col sostegno del programma Scientific Independence of young Researchers (SIR) del Ministero dell’istruzione, università e ricerca (Miur) e dell’AFM-Telethon.

Pubblicato in Medicina


Un gruppo di ricerca coordinato da studiosi dell’Università di Bologna ha messo a punto un sistema innovativo che, sfruttando l’effetto fotoacustico, potrebbe permettere non solo di identificare con maggiore precisione le cellule tumorali, ma anche di guidarne l’eliminazione.
Sfruttare l’effetto fotoacustico, che permette di trasformare l’energia luminosa in onde sonore, per identificare e colpire selettivamente le cellule tumorali. È la soluzione proposta da un gruppo di ricerca guidato da studiosi dell’Università di Bologna. I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Advanced Functional Materials, mostrano come si potrebbe utilizzare una particolare molecola a base di carbonio, chiamata “fullerene”, per creare uno strumento utile sia alla diagnosi sia alla terapia dei tumori. “Il fullerene è in grado di incrementare le potenzialità diagnostiche della microscopia fotoacustica, aumentandone in modo significativo la risoluzione spaziale, e questo sia che si stia guardando all’intero organo sia che l’osservazione riguardi un livello sub-cellulare”, spiega Matteo Calvaresi, professore al Dipartimento di Chimica “Giacomo Ciamican”, che ha coordinato la ricerca. “Questo studio apre quindi alla possibilità di un impiego dell'effetto fotoacustico nella diagnostica medica che permetta di rilevare singole cellule tumorali attraverso nuovi mezzi di contrasto”.

Pubblicato in Medicina


La missione spaziale selezionata dalla Nasa per l’esplorazione di Venere vede coinvolto in maniera determinante il gruppo di ricerca della Sapienza guidato da Luciano Iess. VERITAS dovrà rispondere a molte domande sull’evoluzione di questo pianeta ancora misterioso che, da un passato molto simile a quello della Terra, è diventato uno dei luoghi più inospitali del sistema solare
La missione spaziale VERITAS (Venus Emissivity, Radio Science, INSAR, Topography and Spectroscopy) a cui la Sapienza partecipa con un contributo fondamentale, è risultata vincitrice nella selezione delle missioni planetarie della Nasa. Lo ha comunicato la Nasa stessa il 2 giugno scorso nell’ambito della selezione delle prossime missioni di classe Discovery da 500 milioni di dollari.

VERITAS sarà lanciata tra il 2026 e il 2028 e ospiterà a bordo una strumentazione molto sofisticata finanziata dall’Agenzia spaziale italiana (ASI) a cui ha contribuito il gruppo di ricerca guidato da Luciano Iess, composto da giovani ricercatori della Sapienza.

Pubblicato in Astrofisica


Assistere a una violazione delle norme morali condivise inibisce i neuroniche controllano la lingua, in modo simile a quanto accade quando entriamo in contatto con un gusto spiacevole. Lo rivela una ricerca guidata da studiosi dell’Università di Bologna e dell’Università degli Studi di Messina, premiata con il “Best Paper Prize 2021” durante la XII International Scientific Conference on Neuroethics
Quando assistiamo ad un comportamento che ci indigna perché viola norme morali condivise il nostro cervello inibisce i neuroni che controllano il movimento della lingua, proprio come accade quando entriamo in contatto con un cattivo sapore. Lo ha scoperto un gruppo internazionale di ricerca guidato da studiosi dell’Università di Bologna e dell’Università degli Studi di Messina: pubblicato sulla rivista Social, Cognitive and Affective Neuroscience, lo studio è stato premiato con il “Best Paper Prize 2021” alla XII International Scientific Conference on Neuroethics.

Pubblicato in Medicina
Martedì, 01 Giugno 2021 15:35

5 e 6 giugno, tornano le giornate delle Oasi



Sabato e domenica, 5 e 6 giugno torna la Festa delle Oasi WWF, quest’anno dedicata all’attesissimo ritorno alla natura: adulti, ragazzi, bambini e famiglie potranno visitare le aree protette dal WWF

Link alla pagina dedicata alla Festa delle Oasi>>

Assistere alla liberazione di animali guariti dopo essere stati costretti a lunghi ricoveri è una emozione indimenticabile. Questi eventi sono possibili grazie all’attività dei Centri di Recupero per Animali Selvatici (CRAS), veri e propri ospedali della biodiversità, che si trovano all'interno o in prossimità delle Oasi WWF. Proprio alle 100 aree protette gestite dal WWF in Italia saranno dedicate le giornate di sabato 5 (Giornata Mondiale dell'Ambiente) e domenica 6 giugno 2021, durante le quali cittadini, famiglie, ragazzi e bambini sono invitati a godere della bellezza e del fascino degli spazi naturali protetti dal WWF in una giornata di riconquistata libertà.

Pubblicato in Ambiente


Il dispositivo consente diagnosi veloci per difendere i raccolti e diminuire l’uso di prodotti chimici


E’ semplice, veloce e conveniente il nuovo kit brevettato al Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali dell’Università di Pisa per rilevare presenza di Macrophomina phaseolina, un fungo patogeno delle piante.
La diagnosi precoce di questo fungo è vantaggiosa sia dal punto di vista economico che ambientale per difendere i raccolti e ridurre l’uso di prodotti chimici. Macrophomina phaseolina è infatti diffusa in tutto il mondo, attacca oltre 500 specie vegetali e può causare perdite di produzione fino al 90% nel girasole, 30-60% nella fragola, 50% nella soia e 70% nel mais. Il patogeno predilige climi caldi tropicali e sub-tropicali e a seguito dei cambiamenti climatici in atto, è stato previsto un aumento della sua aggressività anche in zone del mondo in cui attualmente è presente ma non provoca molti danni.

 

Pubblicato in Tecnologia

Medicina

Nuovo meccanismo molecolare contro la degenerazione muscolare

Nuovo meccanismo molecolare contro la degenerazione muscolare

07 Giugno 2021

Immagini di immunofluorescenze di: un muscolo in rigenerazione (sinistra), di...

Paleontologia

Già nell’Età del Bronzo c’erano forti legami tra abitanti di Calabria e Sicilia

Già nell’Età del Bronzo c’erano forti legami tra abitanti di Calabria e Sicilia

12 Maggio 2021

Dall’analisi delle più antiche sequenze di DNA rinvenute in territorio calabro, risalenti ad oltre...

Geografia e Storia

Dai mari della Nuova Zelanda una importante scoperta sul rapporto tra materiali argillosi e terremoti

Dai mari della Nuova Zelanda una importante scoperta sul rapporto tra materiali argillosi e terremoti

03 Maggio 2021

Analizzati con un nuovo metodo presso i laboratori INGV i sedimenti argillosi provenienti dal...

Astronomia e Spazio

La NASA sceglie VERITAS: la Sapienza su Venere

La NASA sceglie VERITAS: la Sapienza su Venere

04 Giugno 2021

La missione spaziale selezionata dalla Nasa per l’esplorazione di Venere vede...

Scienze Naturali e Ambiente

5 e 6 giugno, tornano le giornate delle Oasi

5 e 6 giugno, tornano le giornate delle Oasi

01 Giugno 2021

Sabato e domenica, 5 e 6 giugno torna la Festa delle...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery