Lo Spazio al servizio dell’ambiente In evidenza

Chiara Di Mizio 24 Mar 2015
5077 volte

È stato firmato ieri un accordo tra l’Agenzia Spaziale Italiana e l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA): per cinque anni ci sarà una strategia condivisa per l’osservazione della Terra. Verranno identificate le priorità in materia ambientale che possono essere affrontate attraverso l’utilizzo delle tecnologie e delle infrastrutture spaziali dell’ASI.


L’accordo è stato firmato dai presidenti dei due enti, Roberto Battiston e Bernardo De Bernardinis.
Protagonista del documento è l’accesso ai dati dei sistemi satellitari delle Sentinelle del sistema europeo Copernicus, del sistema italiano COSMO-SkyMed e di altri satelliti nell’ambito delle attività di monitoraggio e controllo del Pianeta.

 

Lo scopo dell’iniziativa è la definizione di una piattaforma unica di gestione dei dati geospaziali e l'integrazione nel Collaborative Ground Segment italiano - di cui l'ASI è il National Point of Contact (NPC) per il sistema Copernicus - per favorire il rafforzamento dei mezzi a disposizione di entrambi gli enti, delle professionalità e delle produzioni, in modo da garantire la condivisione, anche in tempo reale, dei dati e delle informazioni in essa conservati.

Ancora una volta lo Spazio si conferma il migliore alleato per il nostro Pianeta e per tutti i cittadini: dalla collaborazione tra ASI e ISPRA si attendono importanti ricadute nell’ambito della promozione della ricerca e sviluppo, dell`innovazione, del migliore utilizzo delle risorse spaziali e delle infrastrutture di Terra.

L’ISPRA, in qualità di utente di riferimento, parteciperà allo sviluppo, alla sperimentazione e alla validazione di sistemi spaziali e delle loro componenti di terra. Si impegnerà inoltre nel controllo, monitoraggio, analisi, valutazione e reporting ambientali, individuando e diffondendo buone pratiche di utilizzo di dati, informazioni, prodotti e servizi generati dall'osservazione della Terra da missioni nazionali, europee (Copernicus) e internazionali.

L’ASI, da parte sua, assicurerà l’accesso agli utilizzatori civili istituzionali dei dati acquisiti dal sistema duale italiano COSMO-SkyMed e delle altre missioni nazionali, o realizzate in cooperazione, e affida all’ISPRA la cura della  catalogazione e la raccolta dei dati geografici, territoriali ed ambientali.

Ultima modifica il Martedì, 27 Giugno 2017 21:37
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery