Ultimi Articoli

Batterie quantiche superveloci

Batterie quantiche superveloci

17 Gennaio 2022

Ricercatori dell’Istituto di fotonica e nanotecnologie del Cnr e del...

PLASTICA, DA OGGI IN VIGORE LE NUOVE REGOLE SUL MONOUSO

PLASTICA, DA OGGI IN VIGORE LE NUOVE REGOLE SUL MONOUSO

14 Gennaio 2022

Oggi 14 gennaio entrano in vigore in Italia le nuove...

Team di biologi molecolari UniTS dimostra l'efficacia di una nuova terapia cardiovascolare

Team di biologi molecolari UniTS dimostra l'efficacia di una nuova terapia cardiovascolare

14 Gennaio 2022

Un anticorpo monoclonale può bloccare la fibrosi e proteggere il...

La plasticità del cervello parte dal microbiota intestinale

La plasticità del cervello parte dal microbiota intestinale

14 Gennaio 2022

Lo studio coordinato da Università di Pisa e Scuola Normale...

Cambiamenti climatici, dal triassico nuovi scenari di futuro

12 Gennaio 2022

Team internazionale di ricercatori mette a punto nuovo modello paleoclimatico...

Una rete di pulsar per “ascoltare” il brusio cosmico di fondo delle onde gravitazionali

12 Gennaio 2022

I ricercatori del progetto International Pulsar Timing Array (IPTA), avvalendosi...

Grazie al laser scoperti i meccanismi di protezione del DNA dalla luce  solare

Grazie al laser scoperti i meccanismi di protezione del DNA dalla luce solare

12 Gennaio 2022

Su Nature Communications lo studio che rivela come il DNA...

  • 1
  • 2
Venerdì, 07 Gennaio 2022

 

Lo studio di un’onda di tempesta alta 28 m sulle coste europee a cui ha partecipato l’Istituto di scienze marine del Cnr di Venezia, pubblicato su Scientific Reports, dimostra come possano generarsi onde alte fino a 2 o 3 volte l’altezza significativa. Un’informazione cruciale per i naviganti e le piattaforme petrolifere. La pericolosità di questi eventi concerne le onde oceaniche, ma anche quelle ‘nostrane’


Per i naviganti, ed in tempi più recenti per le piattaforme petrolifere, la domanda chiave è “quanto alte possono essere le onde di tempesta?”. Negli anni, l’esperienza diretta e le sempre più numerose misure, sia da satellite che da boe oceanografiche, hanno spinto i valori possibili delle altezze d’onda sempre più in alto. Durante la tempesta del gennaio 2014 nel Nord Atlantico si è stimato (dati del modello del Centro Meteorologico Europeo per le Previsioni a Medio Termine, ECMWF, a Reading, Regno Unito) che l’“altezza significativa”, cioè la misura dell’energia della mareggiata, abbia sfiorato i 20 metri. Questo significa però che si sono verificate certamente singole onde superiori a 35 m. L’analisi seguita all’evento, a cui hanno partecipato Alvise Benetazzo e Luigi Cavaleri dell’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ismar) di Venezia, pubblicata su Scientific Reports col titolo “Observation of a giant wave-packet on the surface of the ocean”, ha dimostrato che è possibile prevedere in anticipo questi “eventi anomali”, ma solo in senso probabilistico.

Pubblicato in Ambiente

Medicina

Team di biologi molecolari UniTS dimostra l'efficacia di una nuova terapia cardiovascolare

Team di biologi molecolari UniTS dimostra l'efficacia di una nuova terapia cardiovascolare

14 Gennaio 2022

Un anticorpo monoclonale può bloccare la fibrosi e proteggere il...

Paleontologia

Pubblicata su Nature la scoperta di una neonata di 10.000 anni fa

Pubblicata su Nature la scoperta di una neonata di 10.000 anni fa

15 Dicembre 2021

Pubblicata su Nature la scoperta della prima sepoltura europea di una neonata mesolitica di...

Geografia e Storia

Dalla Laurasia e dal Gondwana, due antichi continenti di 250 milioni di anni fa, l’evoluzione di tutte le piante attuali

Dalla Laurasia e dal Gondwana, due antichi continenti di 250 milioni di anni fa, l’evoluzione di tutte le piante attuali

15 Dicembre 2021

Lo studio coordinato dall’Università di Pisa e pubblicato sulla rivista New Phytologist ha analizzato...

Astronomia e Spazio

Una coppia di buchi neri supermassicci potrebbe aver formato quattro enormi cavità in un ammasso di galassie

Una coppia di buchi neri supermassicci potrebbe aver formato quattro enormi cavità in un ammasso di galassie

22 Dicembre 2021

Grazie al telescopio orbitale Chandra della NASA, un gruppo di ricerca...

Scienze Naturali e Ambiente

PLASTICA, DA OGGI IN VIGORE LE NUOVE REGOLE SUL MONOUSO

PLASTICA, DA OGGI IN VIGORE LE NUOVE REGOLE SUL MONOUSO

14 Gennaio 2022

Oggi 14 gennaio entrano in vigore in Italia le nuove regole...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery