Ben ritrovato, Philae In evidenza

Chiara Di Mizio 19 Giu 2015
6157 volte

Dopo l’impresa dello sbarco sulla cometa 67P Churyumov Gerasimenko lo scorso 11 novembre, si era addormentato: dal 15 novembre era entrato in uno stato di ibernazione.
Ora, dopo sette mesi di letargo, si è risvegliato e ha iniziato a inviare a Terra pacchetti di dati: continua così la straordinaria avventura del lander Philae, che continua ancora a sorprendere.

 

Il piccolo robot Philae della missione Rosetta è riuscito a risvegliarsi e ha ripreso ad inviare alla sonda Rosetta pacchetti di dati perché la temperatura sulla cometa è aumentata.
Philae è programmato per funzionare dalla temperatura da meno 45 gradi in su, ma ha funzionato già da meno 36 gradi perché ora la cometa è più vicina al Sole e l'illuminazione dei pannelli solari di Philae è sufficiente per alimentare le batterie del lander.
Philae ha dialogato per 85 secondi con il team di scienziati dell'Agenzia Spaziale Europea a Darmstadt, in Germania, alle 22:28 del 13 giugno, inviando pacchetti di dati che suggeriscono che il piccolo lander sia attivo già da tempo.
Gli scienziati hanno poi atteso il contatto successivo, per aspettare gli 8000 pacchetti di dati ancora nella memoria del lander che possono spiegare cosa sia successo sulla superficie della cometa, la prima mai raggiunta dall'Uomo grazie alla missione Rosetta.  

E dopo qualche giorno di silenzio, Philae non ha deluso le aspettative. Due giorni dopo è tornata a farsi sentire e venerdì ha inviato 185 pacchetti di dati tra le 15,20 e le 15,39 italiane. Michael Maibaum, ingegnere del Contro di controllo del lander a Colonia ha spiegato che ora il robot opera
a zero gradi centigradi e la batteria è sufficientemente calda per immagazzinare energia. Philae quindi potrà funzionare anche durante la notte della cometa. Inoltre è aumentato il periodo di insolazione. "Sono illuminati altri pannelli solari, alla fine del contatto quattro pannelli ricevevano energia.

Il contatto ha confermato che Philae sta molto bene" ha detto Maibaum. L'ultimo contatto è stato di ben 19 minuti, il terzo da quando il robot è atterrato sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko il 12 novembre, dopo aver viaggiato a bordo della sonda madre Rosetta. La missione Rosetta mira a svelare i segreti delle comete, ammassi di polvere e ghiaccio che secondo gli scienziati sono all'origine della formazione del sistema solare.

Ultima modifica il Venerdì, 03 Luglio 2015 11:22
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery